Ambientale

AMBIENTALE

Ambiente sicuro da pericoli biologici è prerequisito fondamentale per la salute. Aria, acqua e superfici sono matrici della nostra attività di testing per la sicurezza ambientale.

La profonda conoscenza delle tecniche analitiche consente al laboratorio di trattare con elevati standard qualitativi sia analisi microbiologiche di base, sia analisi più complesse.

ACQUA

Acque acquedotto e Acque da bere

I controlli sulle acque destinate al consumo umano vengono eseguiti ai sensi del D. Lgs.31 del 02/02/01. Tale decreto definisce le caratteristiche di qualità che deve avere l’acqua per potere essere considerata potabile. Prelievi e analisi e microbiologiche a riguardo, assumono carattere routinario su acque di falda e di pozzo che devono essere controllate al fine di garantire la potabilità nel caso di approvvigionamento idrico autonomo, di pubblici esercizi ed in ambito industriale.

Acque minerali

Circolare n°17 Ministero della Sanità 13/09/1991

Acque ad uso natatorio

I controlli su acque di piscina (sia pubbliche che a gestione privata) vengono eseguiti ai sensi della Norma UNI 10637 (Requisiti degli impianti di circolazione, trattamento, disinfezione e qualità dell’acqua di piscina). I controlli vengono eseguiti anche ai sensi dell’Accordo del 16/01/2003 (Accordo tra il Ministro della salute, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano sugli aspetti igienico-sanitari per la costruzione, la manutenzione e la vigilanza delle piscine ad uso natatorio).

SUPERFICI

CONTROLLO DI SUPERFICI TRAMITE PIASTRE A CONTATTO E TAMPONI (VALIDAZIONE PROCEDURE DI PULIZIA)

Vengono effettuate prove inerenti la determinazione delle concentrazioni microbiche sulle superfici o su strumenti di lavoro dopo sanificazione o durante le fasi di lavoro, al fine di evidenziare contaminazioni secondarie degli alimenti processati; tali prove risultano utili per la verifica del controllo dei punti critici nelle filiere di produzione, nell'ambito dei Regolamenti CE 852-853/2004 alle quali devono attenersi tulle le strutture alimentari.

Aria

CONTROLLO DELLA QUALITA' DELL'ARIA (CELLE DI STAGIONATURA, CELLE DI STOCCAGGIO, AMBIENTI DI LAVORAZIONE, UFFICI, CENTRI DI COTTURA)

Il prelievo di aria all'interno di locali di produzione mediante uno strumento (SAS) che ha la possibilità di prelevare un volume di aria, convogliato su una piastra Petri, con terreno di accrescimento o selettivo, permette di determinare la concentrazione batterica nell'aria, al fine del controllo di eventuali ricontaminazioni degli alimenti processati nell'area controllata. La legionellosi è una malattia che può essere evitata attraverso un adeguato programma di manutenzione. L'indagine ambientale per la ricerca della Legionella permette di verificare i punti critici ed i focolai di infezione di Legionella in casi dichiarati e di verificare l'adeguatezza degli interventi di manutenzione e sanificazione.

Proposta analitica per la valutazione della qualità dell’aria per contaminazione microbiologica secondo:

D.Lgs. Governo n° 81 del 09/04/2008 - Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

"Monitoraggio microbiologico negli ambienti di lavoro” INAIL – rev. 0 del 03/2005

Direttiva 2000/54/CE: “Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 settembre 2000, relativa alla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un’esposizione ad agenti biologici durante il lavoro (settima direttiva particolare ai sensi dell'articolo 16, paragrafo 1, della direttiva 89/391/CEE)”